LETTERA A PARENTI, AFFINI E CONSANGUINEI

 

 

Carissimi,

         benché sconosciuto a gran parte di voi, nella posizione  - virtuale e simbolica - di   capo-stipite pro tempore della casata della quale, direttamente o indirettamente, fate parte, mi sono deciso ad impostare questa assai impegnativa iniziativa informatica  per continuare ed allargare il progetto di mio padre, Francesco Spadaro-Ferlito, mirato ad indicare a tutti, col concorso di tutti,  cominciando dai suoi figli, da chi proveniamo, chi siano i nostri parenti chi ci ha preceduti e chi si  accinge a seguirci.

La mia finalità, dunque, è quella di compattare la famiglia sul display e di invogliare  tutti ad essere citati in quest’opera.

Chiedo pertanto, anche per conto di chi  si trovasse a dover continuare questo impegno, che:

1)      siano fatte conoscere, con una certa tempestività e con completezza di dati, le variazioni soprattutto anagrafiche che dovessero verificarsi come, per esempio,  nascite, matrimoni, separazioni, divorzi, situazioni di fatto, grandi eventi, decessi,     ecc, ecc.

2)      siano segnalati errori ed omissioni;

3)      siano resi noti, via posta informatica o  tradizionale, per la conoscenza della famiglia, i successi personali di qualsiasi natura, tenendo presente che quanto fosse già riportato in internet potrà essere recepito comunque come link;

4)     siano inviate in copia – possibilmente via internet -  eventuali fotografie di particolare interesse familiare o ritratti di antenati ancorché potenziali.

    Quanto pervenisse per posta ordinaria, se richiesto, sarà restituito.

   

     Vi ringrazio e vi saluto

                                                          

                                                                                                                       Vittorio Spadaro-Leanza

La  collocazione in  < portale > di parenti, affini e consanguinei,  rintracciabili nell’albero genealogico, è così strutturata:

 

SINGOLI :  di diritto tutti i baroni Spadaro di Passanitello succedutisi e quanti del parentado abbiano prodotto opere culturali,  artistiche, sportive, civiche, ecc… presentate ed illustrate esclusivamente in questo supporto informatico familiare;

 

TARTUFI : quanti  siano ricordati  con  contributi originali ed esclusivi , scritti, vocali, sonori o di immagini;

 

OSTRICHE : quanti  in attività si  riconoscano  con scritti , o immagini , o supporti sonori,  compresi riscontri su siti internet propri o altrui ;               

 

GUSCI : quanti di cui non si disponga  che di dati solo  identificativi,  essenziali, parziali, incompleti  o  ridotti,  nonché

   i minori per quanto di significato particolare da essi prodotto  in  famiglia, a scuola, in extrattività, ecc….

                 

Gli  omissis  occasionalmente apposti  per  ragioni  di  opportunità , di  discrezione  e riservatezza    (nonostante il tempo talvolta  trascorso)  potranno  essere rimossi , anche con gradualità,  se  e  quando i  tempi  e  le  circostanze  faranno  ritenere  alla  Famiglia di poterlo fare.

 

   
   
   

                        IL “PEDAGGIO”

 .

 

            Riconoscerci fra di noi pur senza frequentarci o simpatizzare (come in qualche caso), indipendentemente dallo spazio e dal tempo che abbiamo occupato o andremo ad occupare nel pianeta, e farci conoscere ed apprezzare da persone anche estranee alla famiglia,ovunque nel mondo,  ha comportato e continua a comportare un pesante onere sia in termini di fatica anche fisica, sia in termini di risorse economiche impiegate.

            Le pesanti spese, sempre crescenti, sono diventate da estremamente gravose  ad insostenibili per un solo portafoglio.

            Il buon fine della determinazione atta a mantenere in essere  e sostenere l’iniziativa,  almeno fino a quando il creatore e propugnatore ne sarà in grado,  sarà determinante per assicurarne  il prosieguo.

            In compenso, nel frattempo, è in corso la graduale trasformazione della qualità e della quantità dei servizi offerti che miglioreranno ulteriormente -in proporzione alla collaborazione di quanti nella famiglia ne  alimentano il desiderio - per lasciare una traccia del   passaggio loro e dei loro cari.

            Ecco le ragioni del ricorso, assai ponderato, alla pubblicità e/o al "pedaggio" per l'accesso a parti di questo sito. Contiamo di contenere entrambi per quantità e di ben selezionarli.

 

             

 eventuali suggerimenti – così come le informazioni relative alle variazioni anagrafiche nei vari rami della famiglia -  potranno comunque continuare a pervenire attraverso la email     familia@spadarodipassanitello.it

 

 
   

 

 

 

                              I RECAPITI

                              POSTALE, TELEFONICO E TELEMATICO

                              DEI SINGOLI SOGGETTI

                              NON SONO DISPONIBILI.

                     Tuttavia chi volesse manifestare la propria disponibilità

                per essere raggiunto in privato

                potrà comunicare qui, familia@spadarodipassanitello.it

                sotto la sua esclusiva responsabilità

                in ordine alle garanzie di riservatezza,

                quei dati ritenuti sufficienti ed utili alla bisogna

                      ( indirizzo postale,  telefonico, telematico)

                ritenendosi tacitamente autorizzata la loro annotazione nella prima pagina

                del proprio sito personale

 

 

Cooperazione

 

 familia@spadarodipassanitello.it 

Per essere rimossi dal sito mandare una mail con il nominativo a: remove@spadarodipassanitello.it Legge 675/96

Webmaster

Antonio Settecase

"Perchè, perchè, perchè?!" di vittoriospadaro , esecuzione dell'autore